Una grande festa dell’atletica, nata nel segno dell’agonismo ma che ha finito per celebrare i valori universali dello sport, costruita grazie al duro lavoro e all’intraprendenza del presidente della Podistica Terracina Egidio Pagliaroli, che ha potuto contare sul prezioso appoggio dell’Amministrazione Comunale e sul concreto impegno di tanti volontari, oltre che sul sostegno dei numerosi sponsor e della partnership tecnica del negozio “Top Run” di Fondi.

330 partecipanti, un itinerario di suggestiva bellezza, un’organizzazione eccellente e tanto, tanto divertimento hanno caratterizzato quella che, visti i risultati, si accredita come la kermesse sportiva più bella e partecipata degli ultimi anni: la “Corri Terracina”.

A dare il via, con la divisa sociale della Podistica, uno starter d’eccezione: Nicola Procaccini, sindaco della Città e atleta di lunga data della storica società tirrenica.

La corsa è stata vinta in appena 33 minuti, al termine di un testa a testa davvero entusiasmante, da Davide Di Folco, che in dirittura d’arrivo è riuscito a precedere di una manciata di secondi il suo diretto avversario, Abdelkader Rahmani, seguito a sua volta, ma con un distacco di circa un minuto e mezzo, da Cristian Falcone.

In campo femminile, nonostante i quasi due anni di completa inattività, una sontuosa Romina D’Auria ha fatto il vuoto dietro di sé e si è imposta agevolmente sulle sue inseguitrici, Noemi Felici e Lily Eugenia Gomez, con un distacco di oltre un minuto, riaffermando così quel primato che, per quasi un decennio, l’ha vista incontrastata e che, proprio su queste strade, dove è solita allenarsi, le spettava di diritto.

Non era per nulla scontato – anche per una tosta come lei – riuscire a scrollarsi di dosso, proprio al rientro nell’agone podistico, la ruggine ed il torpore accumulati in questo periodo di fermo tecnico. Ma le regole, quando si parla di Romina, sembrano fatte per essere ridefinite, così come le gerarchie create nell’interregno lasciato dalla sua momentanea uscita di scena. Adesso, però, le pretendenti al trono sono avvisate: Romina è tornata e lo scettro è di nuovo saldo nelle sue mani.

A fare da cornice al trionfo della campionessa terracinese anche i primi posti di categoria conquistati dai compagni di squadra Roberto Del Bono, Andrea Cappelli e Tonino Panno, giunti rispettivamente 6°, 8° e 18° tra gli assoluti: praticamente una grande macchia giallo fluo (come il colore dominante della maglia sociale) in testa alla corsa. Sempre nel segno dell’eccellenza anche le prestazioni di Emilio De Fabritiis, Cinzia Bressan e Agostino Maragoni, tutti secondi nelle speciali classifiche delle rispettive fasce d’età. Ancora in casa Podistica Terracina sono rientrati nella top ten di categoria Bruno Droghei (5°), Federica Francioni (8°) e Cornelio Pisa (9°), mentre hanno ben figurato Valentino Masci, Paolo Sessa, Adriano De Rita, Umberto Baroni, Raffele Acanfora, Flavio Lisi, Riccardo Serrone, Piero Mangoni, Orlando Frattarelli, Daniele Antonelli, Tonino Ascenzi, Alfredo L’Aurora, Davide Di Vito, Mauro Spinelli, Silviano Valenti (alias “Ganciaro”) e Bonaventura Pianese.

Grande, dunque, la soddisfazione del presidente Egidio Pagliaroli, a cui più di tutti vanno i complimenti per la splendida riuscita della manifestazione. Toccherà ancora a lui raccogliere l’invito giunto dalle oltre 50 società sportive presenti domenica – già intenzionate a ritornare per rivivere le splendide emozioni di questo coloratissimo giorno di festa – e rimettersi subito al lavoro per l’edizione 2018 del trofeo “Corri Terracina”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here