“Condividi la tua conoscenza: è un modo per raggiungere l’immortalità”

Questa frase viene attribuita al Dalai Lama, e con essa si vuol riassumere il senso dell’evento in programma per venerdì 1° dicembre 2017, a partire dalle ore 18.30 presso ToastAmore Terracina, riguardante il booksharing, giunto alla sua quinta edizione. Il tutto, come nei quattro precedenti, verrà supportato da Visit Terracina, principale canale social della città.

La sinergia tra Giovanni Marchegiani, Amedeo Cerilli (CEO di Visit Terracina), Dalida Turniano e Riccardo D’Aponte si è fatta sempre più forte e concreta, e i risultati si vedono soprattuto nella crescente partecipazione della cittadinanza agli incontri di condivisione dei libri e della letteratura.

Gli organizzatori avevano annunciano delle importanti novità per quanto riguarda lo sharing e il format fin qui adottato, difatti, grazie anche alla disponibilità dei titolati di ToastAmore Terracina, a partire dalla data dell’evento sarà possibile usufruire di uno spazio, gratuito, per il bookcrossing permanente.

Quest’area, adibita da ToastAmore, viene messa a disposizione affinché vi possa essere un continuo e duraturo scambio di libri, nuovi, usati, cari o abbandonati. Un primo tassello per riportare i libri nelle case di tutti. L’idea del bookcrossing nasce da lontano, viene però oggi adottata dagli organizzatori del booksharing con il chiaro intento di dare alla città dei luoghi fissi, stabili e noti, dove poter lasciare i libri a cui non sono più interessati per magari prenderne altri, creando uno splendido circolo virtuoso di condivisione e scambio.

Quest’atmosfera verrà completata da una degustazione di toast, nelle più svariate combinazioni, offerta dai titolari della toasteria di Piazza Garibaldi; unica prerogativa per poter usufruire della convenzione è, ovviamente, quella di portare con sé un libro pronto per essere donato al prossimo. Lo spazio dedicato ai libri, in via permanente, fa del locale uno dei primi bookpoint di Terracina.

L’evento è totalmente gratuito e senza alcun fine lucrativo. Per una cultura libera e egualmente accessibile a tutti, senza distinzione alcuna.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here