Banner-Pubblicitario-Alla-Uomo-01.18.gif

Il sindaco di Terracina Nicola Procaccini ha incontrato stamattina in Comune il personale dell’Aeronautica Militare impegnato nella Operazione Anxur e il comandante dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Terracina per congratularsi con loro del salvataggio, avvenuto lo scorso 26 gennaio, dell’uomo che aveva tentato il suicidio.

Erano presenti il Col. Gianni Spaziani, comandante della cellula di intervento della Operazione Anxur (la missione dell’Aeronautica Militare in corso di svolgimento nelle acque di Terracina e volta al recupero dei detriti dell’Eurofighter precipitato il 24 settembre scorso) che, insieme al Col. Paolo Rizzetto, responsabile delle attività sul campo, ha guidato una nutrita rappresentanza degli aerosoccorritori impegnati nelle operazioni e protagonisti del salvataggio, e il Tenente di Vascello (CP) Alessandro Poerio, comandante del locale Ufficio Circondariale Marittimo, forza che ha prontamente collaborato con l’Aeronautica in questo intervento impedendo ad un uomo di origini ciociare di portare a termine il suo disperato gesto.

Con questo incontro, che ha costituito anche l’occasione per fare il punto sulle risultanze della Operazione Anxur, il sindaco ha voluto ringraziare i militari sia personalmente sia attraverso una lettera che ha consegnato ai comandanti evidenziando come “l’Aeronautica ha saputo instaurare un legame di sincera simpatia con l’intera città in questi mesi in cui la Forza Armata, purtroppo per le note vicende, è stato spesso presente a Terracina. L’Arma Azzurra è diventata familiare tra i terracinesi che guardano ai suoi uomini con grande rispetto e stima, apprezzandone discrezione, professionalità e sensibilità”.

“Questo salvataggio ha ulteriormente rafforzato il rapporto con l’Aeronautica, amplificandone la percezione positiva tra i cittadini. Il destino – osserva Procaccini – sa essere beffardo e clemente al contempo: infatti i sommozzatori e gli aerosoccorritori hanno potuto salvare la vita di quella persona in difficoltà perché si trovavano lì in seguito all’evento luttuoso del Maggiore Orlandi”.

“Con la Guardia Costiera – prosegue il sindaco – il legame di Terracina ha, ovviamente, radici antiche che, grazie anche ad eventi come questi, si rinnovano e consolidano. Il Comandante Poerio è qui da circa 8 mesi e ha già dovuto misurarsi con una serie di eventi eccezionali che hanno evidenziato le straordinarie capacità professionali e umane sue e dell’Ufficio comandato. Sono onorato e orgoglioso di aver avuto modo di conoscere in questi mesi persone e professionisti così valorosi che servono quotidianamente la nostra Nazione. Ho voluto rappresentare loro i sentimenti di stima e gratitudine della città di Terracina e miei personali: sapere di essere tutelati dai nostri militari ci fa sentire tutti più sicuri e fieri di essere italiani”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore, inserisci il tuo commento!
Per favore, inserisci qui il tuo nome e cognome